Domenico Corna

 

 Il Tocco della Felicita' - Navajo

 Parte Prima - Capitolo Primo

 

Benjamin se ne stava affacciato alla finestra di un grande hotel nel centro di Saint Luis. Contemplava l’andirivieni della gente per strada come una moltitudine di formichine indaffarate in lavori apparentemente inutili.

«Signore, tra qualche istante ha inizio l’evento.» annunciò una voce da dietro la porta. «Si affretti a scendere.»

Benjamin subito richiuse la finestra ed iniziò a vestirsi. Stette poi sulla soglia a chiedersi se presenziare a quell’evento fosse la scelta appropriata. Non aveva mai familiarizzato con gente importante e neppure con la confusione. Abituato ai piccoli paesi di campagna, starsene qui a St. Luis, in una grande città col suo centro così avvolgente e caotico, gli procurava un po’ di apprensione.

«Aspetteranno.» sussurrò con un lungo sospiro stendendosi sul letto con lo sguardo rivolto verso il soffitto. «Nessuno mai si accorgerà della mia assenza. Non sono uno dei protagonisti della festa.»

 

                                                    ***

L’evento rappresentava un importante appuntamento annuale riservato ai produttori di birra. Ognuna delle aziende partecipava presentando uno dei prodotti per l’assaggio e la successiva premiazione. In questa manifestazione la presenza di Benjamin risultava del tutto inutile in quanto l’azienda presso la quale lavorava, pur essendo tra le più antiche, non era certo annoverata tra le grandi.

Aveva iniziato molti anni prima, dopo la morte del padre. La sua famiglia non poteva sopravvivere senza un introito sicuro. Così, dopo aver effettuato una lunga infruttuosa ricerca tra negozi e piccole attività della zona, quel mattino, in cerca di una occupazione, si era deciso a salire alla vecchia fabbrica di birra posta su un dosso poco distante dal confine del paese.

«Sto cercando un’occupazione.» aveva chiesto dopo una lunga attesa davanti all’ingresso.

Un vecchio si era presentato con un grande cappello bianco in testa chiedendogli se fosse a conoscenza del tipo di lavoro svolto nella fabbrica.

Benjamin, stendendo il braccio verso il fabbricato, aveva dato una risposta tale da generare ilarità del vecchio. «Dentro la fabbrica si distilla birra.»

«La birra non si distilla, ragazzo. Il processo è differente.» Sorrise. «Tu non hai la minima idea del lavoro svolto qui dentro, non è vero?

Il ragazzo scosse la testa. «Ho bisogno di guadagnare e sono pronto ad accettare qualsiasi occupazione purché onesta.»

Il vecchio sorrise e stette qualche attimo a pensare. «Potrei avere bisogno di un aiuto ma solamente per un mese. Dopo tanti anni di confusione voglio mettere in ordine il laboratorio e pulire le attrezzature. Così, se vuoi, puoi essere tu ad occupartene.»

Per la prima volta, anche se temporaneo, qualcuno gli stava offrendo un lavoro. In assenza di altre prospettive e, pur trattandosi di un mese solo, si affrettò ad acconsentire alla proposta.

 

 

 

 

 



Inizio
Racconti

Il Lago di Luce
Nuvole al Tramonto
Bosco dei Platani
Hotel di Buona Speranza
Voce nella Notte
Il Tocco della Felicita'
 Piccola Anima

La Nostra Pazzia
Poesie

Puoi Sentirmi
Favole
Bosco di Favole
Il Tocco della Felicita'
Parte Prima - Navajo





 
           234 Pagine
           
Inedito
 manda un messaggio     American                       

 

Il Tocco della Felicita'

Presentazione

 

 

 

Parte Prima

 

Navajo

 

 


Parte Seconda


Un Lungo Viaggio

 

 


Parte Terza


Mescalero

 

 


Parte Quarta

 

Una Nuova Leggenda

 

 

 

 

 

 

 

Gli altri lavori