Domenico Corna

 

Hotel di Buona Speranza - Hotel di Buona Speranza

Parte Terza - Capitolo Quinto

 

Due giorni prima di natale iniziò una copiosa nevicata che si protrasse per giorni interi. Le strade erano diventate distese di ghiaccio e neve, nessuno più si azzardava a percorrerle.

La vigilia di natale, sera dell’inaugurazione, il bar dell’hotel era completamente deserto. Ormai si stavano apprestando a festeggiare da soli, quando un uomo giunse trafelato nel bar. Qualche miglio più indietro un piccolo autobus si era bloccato. Una ruota era finita fuori strada e l’autobus non era in grado di proseguire e neppure di tornare indietro. A bordo ci stava un gruppo di bambini diretti a un paese a venti miglia di distanza. Li stavano aspettando per la recita di natale. La rete cellulare non era attiva e non erano in grado di chiamare aiuti. I bambini nell’autobus erano terrorizzati.

Charles prese subito il furgone dotato di quattro ruote motrici. Luke salì sul vecchio cingolato usato per arare i campi e attaccò il vecchio carretto. Margareth prese le coperte e insieme si diressero verso l’autobus. Era difficile poter distinguere il nastro d’asfalto coperto dalla neve, dalla campagna circostante. Giunsero dopo mezz’ora tra grandi difficoltà. L’autobus era inclinato su un lato. L’autista, i bambini e le loro due maestre se ne stavano all’interno.

Dodici bambini furono fatti salire sul furgone. Gli altri, insieme con l’autista e le due maestre, furono avvolti dalle coperte e presero posto nel carretto trascinato dal vecchio cingolato.

Lentamente giunsero insieme all’hotel. Entrarono tutti nel bar accanto alla stufa. Le maestre chiamarono il teatro del paese dove avrebbero dovuto esibirsi, annunciando l’impossibilità di arrivare. Si sarebbero fermati nell’hotel per la notte.

In breve i bambini cambiarono il loro umore, dalla paura passarono all’eccitazione per la stravagante avventura. Ognuno confidava all’altro la paura scampata. Le maestre, insieme con Margareth, stabilirono la disposizione dei bambini nelle loro stanze. Quando tutto fu in ordine prepararono da mangiare, spostarono i tavoli a formare un unico lungo tavolone. I bambini erano eccitati e contenti mentre mangiavano una zuppa calda e i dolci preparati per l’inaugurazione dell’hotel.

Alla fine della cena, il grande tavolone venne spostato e i bambini si sedettero per terra. Volevano lo stesso eseguire la loro recita. Era la vigilia di Natale e bisognava seguire l’atmosfera. Sotto l’albero addobbato per l’inaugurazione, i bambini si esibirono nel racconto della nascita di Gesù. Al termine della recita, con un sottofondo di chitarra, Charles suonò le canzoni di Natale.

Spuntarono dolcetti e bibite. Per le maestre e l’autista venne stappata una bottiglia di spumante. Alla fine si strinsero tutti vicino e vennero scattate un sacco di foto. Sarebbero rimaste in eterna memoria del giorno dell’inaugurazione.

Quando giunse il momento di andare a letto i bambini urlavano dalla contentezza. Ci fu un andirivieni frenetico da una stanza all’altra. Le maestre si diedero da fare per mantenerli tutti tranquilli. Alla fine si addormentarono crollando per la stanchezza.

Il giorno dopo giunsero i soccorsi. L’autobus venne liberato e la scolaresca fece ritorno al loro paese di origine. Le due maestre furono le ultime a salire. Abbracciarono forte Margareth dicendole: «Ci avete salvato la vita. Se non ci fosse stato questo hotel sulla nostra strada sarebbe finita davvero male.»

Margareth sorrise salutandole. «Non avrei mai potuto immaginare una inaugurazione più bella di questa. Siamo noi a dovervi ringraziare.»

Vennero appesi alle pareti del bar alcuni quadri con le foto dei bambini. Nell’estate successiva la scolaresca tornò a far loro visita, ognuno di bambini aveva preparato un regalino e un pensiero per la loro più bella avventura.

 

 

 

 

 

 



Inizio
Racconti

Il Lago di Luce
Nuvole al Tramonto
Bosco dei Platani
Hotel di Buona Speranza
Voce nella Notte
       Il Tocco della Felicita'

Piccola Anima
La Nostra Pazzia
Poesie

Puoi Sentirmi
Favole
Bosco di Favole
Hotel di Buona Speranza
Parte Terza - Hotel di Buona Speranza





 
           233 Pagine
           
Inedito
 manda un messaggio     American                       

 

Hotel di Buona Speranza

Presentazione

 

 

 

Parte Prima

 

Lontano da Nashville

 

 


Parte Seconda


In Viaggio

 

 


Parte Terza


Hotel di Buona

 

 Speranza

 

 


Parte Quarta


E' Nata una Rondine

 

 

 

 

 

 

 

Gli altri lavori