Domenico Corna

 Il Lago di Luce - Parte Quarta

 Il Lago di Luce - Tredicesimo Capitolo

 

La primavera era appena iniziata quando Elena prese di nuovo la strada per salire al villaggio. Alla famiglia aveva raccomandato di non rimanere in attesa del suo ritorno adducendo, con una storia più o meno plausibile, una sorta di comunanza e appartenenza con la gente del villaggio. Non erano preoccupati, presto le sarebbe passata quella smania di mistero come le era accaduto nei lunghi viaggi in oriente alla ricerca di una nuova o antica forma di misticismo.

I contadini, in attesa del suo ritorno, avevano fatto provvista di legna da ardere ponendola sotto il portico, ordinatamente accatastata.

Dopo aver sistemato la casa, Elena se ne stette a lungo davanti alla porta assaporando il sole tiepido della primavera. Non era salita solo con l’intenzione di trascorrere un lungo periodo con la sua gente ma per trovare una forma di comunicazione col lago e porre fine alla strada percorsa a metà, quella sorta di ammonimento in cui le veniva confidato di non essere ancora pronta per tornare a casa.

Pur non sapendo come iniziare un dialogo con uno spirito nascosto ed impossibile da comprendere, non aveva esitato anche stavolta a fermarsi sulla spiaggia nord a guardare il lago in attesa di un avviso o un segnale, qualcosa a dimostrazione della volontà di avere un dialogo. Ma, come sempre, se n’era andata via scuotendo la testa.

 

 

 

 



Inizio
Racconti

Il Lago di Luce
Nuvole al tramonto
Bosco dei Platani
Hotel di Buona Speranza
Voce nella Notte
       Il Tocco della Felicita'

Piccola Anima
La Nostra Pazzia
Poesie

Puoi Sentirmi
Favole
Bosco di Favole
Il Lago di Luce
Parte Quarta - Il Lago di Luce








           244 Pagine
            
Inedito
 manda un messaggio     American                       

 

 

Il Lago di Luce

Presentazione

 

 

 

Parte Prima

 

Il Cammino

 

 


Parte Seconda


La Comunità

 

 


Parte Terza


La Festa

 

 


Parte Quarta


Il Lago di Luce

 

 

 

 

 

Gli altri lavori