Domenico Corna

 

Bosco dei Platani - Bosco dei Platani

Parte Prima - Capitolo Primo


Laggiù nella pianura c’è un piccolo paese appoggiato su un fiume proprio dove il suo corso compie un’ampia ansa. Molte volte Davide si era chiesto se quella curva costituisse la poca voglia di incontrare il paese. Forse non trovava di suo gusto un paesaggio diverso da come il suo corso d’acqua lo aveva costruito nei secoli. Dell’antico villaggio erano rimasti solo pochi ruderi; le antiche case rurali avevano lasciato il posto ad altre nuove più snelle e versatili. Così il fiume molto spesso offendeva il paese inondandolo e, a sua volta, il paese restituiva la scortesia abbruttendo le sue sponde.

Evitando i conflitti tra paese e fiume, Davide preferiva camminare nella campagna, nei tratti di verde senza onore e gloria, quei rari posti custoditi dall’intransigenza dei contadini e dal loro difficile carattere. Talvolta, incontrandoli, aggiungeva, col miglior sorriso, qualche frase ossequiosa riguardo al loro duro lavoro e al tempo ormai non più lo stesso. Invero i contadini non si curavano molto dei suoi sforzi amichevoli di approccio, al contrario invece lo guardavano con sospetto come uno sconosciuto davanti alla porta di casa e difficilmente si lasciavano andare ad un sorriso. Ma, col tempo, venne considerato solo una piccola, comoda imperfezione.

Da allora ebbe libero accesso al Bosco dei Platani: una strada di sassi bianchi e di terra pressata dai trattori, un piccolo prato e un gruppo di platani sovrastanti un fosso. In mezzo c’era qualche piccola robinia ed in fondo un salice piangente gettava i suoi rami nell’acqua. In quel punto il torrentello era così ampio da sembrare uno stagno. La strada si perdeva oltre il bosco spegnendosi dopo essersi consumata come una candela. Rondini, merli e qualche piccolo passerotto abitavano i rami degli alberi. Rane e minuscoli pesci nuotavano nel fosso. Lo spazio antistante le coltivazioni era popolato da tutti gli animali presenti in ogni strada di campagna.

Era un bosco come tanti altri, senza alcuna particolare caratteristica da renderlo diverso eppure, come un sipario quando si alza, all’improvviso mostrò la sua vera natura e la mente di Davide iniziò a riempirsi di pensieri differenti dai suoi.



Inizio
Racconti

Il Lago di Luce
Nuvole al Tramonto
Bosco dei Platani
Hotel di Buona Speranza
Voce nella Notte
   Il Tocco della Felicita'
Piccola Anima

La Nostra Pazzia
Poesie

Puoi Sentirmi
Favole
Bosco di Favole
Bosco dei Platani

Parte Prima - Bosco dei Platani







  
           229 Pagine
           
Inedito
 manda un messaggio     American                       

 

 

Bosco dei Platani

Presentazione

 

 

Parte Prima

 

Bosco dei Platani

 

 


Parte Seconda


Laura

 

 


Parte Terza


Davide

 

 


Parte Quarta

Avrai il Mio Amore fino alla Fine del Tempo

 

 

 

 

 

 

 

Gli altri lavori