Domenico Corna

 

Piccola Anima - Parte Quarta

La Stazione - Capitolo Undicesimo   

...

«Vieni, è una fortuna tu sia qui oggi. Devi parlare con mia moglie. Siamo preoccupati riguardo a Kir.»

Lo condusse subito dalla moglie la quale spiegò la situazione. «Kir è in profonda depressione. Non vuole più uscire di casa. Dice di voler abbandonare tutto.»

«Che cosa vuole abbandonare?» chiese Alex non riuscendo a capire.

La signora sorrise. «A noi capita spesso di esprimerci con affermazioni difficili da comprendere per qualsiasi altro. Siamo convinte ci sia un disegno ben preciso riguardo alle nostre vite ed è nostro dovere assecondarlo perché, in caso contrario, molte anime ne soffrirebbero.»

Alex annuì pur non riuscendo a capire a fondo il suo discorso.

«Ma ci sono delle limitazioni e dei vincoli per quelle come noi. Spesso non ci è consentito avere affetti profondi e figli proprio per non creare problemi.»

Alex non riusciva a capire un’altra volta. L’anziana signora aveva un marito e affetti.

«Lo so,» rispose la signora comprendendo i suoi dubbi. «ma qui non stiamo parlando di me. Il mio compito è molto diverso dal suo. Io sono stata fortunata ma lei non proprio. La sua strada sembra sia molto più complicata rispetto alla mia. Le è precluso qualsiasi tipo di affetto importante.»

«Ma per quale ragione?» chiese Alex stupito.

«Io non lo so ed è giusto sia così. Neppure lei lo sa. Non può conoscere i doveri imposti dalla sua strada e questo la fa arrabbiare nel sentirsi in una situazione di impotenza ed ingiustizia. Questa è la ragione per cui ha deciso di abbandonare la sua strada e, per paura di venire in qualche modo coinvolta, se ne sta chiusa in casa al buio.»

«Non capisco.» la interruppe Alex. «Perché non esce di casa e fa di tutto per trovarsi un ragazzo e degli amici?»

«Non è così semplice per noi.» continuò la donna. «È terribile e deprimente scoprire come le persone con cui pensi di avere un rapporto importante, come per magia, si allontanino inspiegabilmente, senza alcuna possibilità di trattenerle.»

Alex faceva grandi sforzi nel tentativo di comprendere. La donna sorrise al suo stupore.

«Quindi tu non ne sai niente di tutte queste situazioni mentali di cui sto parlando?»

Alex scosse la testa.

«Meglio,» concluse la donna. «sarai certamente più credibile.»

La donna aprì la porta, chiamò un ragazzo seduto lì vicino il quale si alzò subito andando a prendere la macchina per accompagnarlo alla casa di Kir.

Prima di accomiatarsi la signora gli prese il braccio. «Ricordati! Le soluzioni determinanti accadono nel silenzio e nell’ombra. Non c’è rumore e chiasso quando uno spirito decide di guarire.»

 

 

 

 

 

 

 

 



Inizio
Racconti

Il Lago di Luce
Nuvole al Tramonto
Bosco dei Platani
Hotel di Buona Speranza
Voce nella Notte
Il Tocco della Felicita'
Piccola Anima
La Nostra Pazzia

Poesie

Puoi Sentirmi
Favole
Bosco di Favole
Piccola Anima
Parte Quarta - La Stazione





  
           270 Pagine
          
Inedito
 manda un messaggio     American                       

 

Piccola Anima

Presentazione

 

 

 

Parte Prima

 

Piccola Anima

 

 


Parte Seconda


I Ragazzi

 

 


Parte Terza


Alex

 

 


Parte Quarta

 

La Stazione

 

 

 

 

 

 

 

Gli altri lavori